Archivi del mese: giugno 2014

“Mondine” del Vientam

Eravamo in 10 fotografi, dopo aver appoggiato gli zaini in hotel ci demmo appuntamento alla risaia che avevamo visto dal finestrino del bus.
Sbagliai strada, ma una risaia la trovai comunque… Sulle montagne del Vietnam sono quasi tutte risaie.
Scattavo e improvvisamente mi ricordai dei racconti di mia nonna.
Lei, per 40 giorni, dall’Emilia insieme alle sue sorelle partiva per il Piemonte e andava a raccogliere il riso. Iniziavano a 13 anni senza contratto, dormivano in un salone su dei sacchi di paglia. Ci andavano uomini e donne a fare la Campagna del riso, gli uomini erano i “Caporali” le donne le “Mondine”.
In queste donne Vietnamiti, mentre le fotografo, rivedo mia nonna da giovane che andava a guadagnare qualche soldo per una famiglia numerosa formata da 7 fratelli. Mia nonna è ed era una sarta provetta ma per amore, prima dei fratelli poi per i figli ha sempre sagrificato la sua passione per sbarcare il lunario. Io di mia nonna mondina non ho fotografie… così fotografo loro.

HANOI- La Capitale

Miliardi di scooter… La gola, dopo una giornata passata a camminare per queste strade, brucia. Per queste strade scorre la vita di un popolo. Si vede di tutto, passo dopo passo si respira un’ identità diversa. Per queste strade caotiche ci troviamo faccia a faccia con un mondo, un micro mondo completo.
Ho pensato che per un pò vi racconterò Hanoi, per un pò posterò foto di questa capitale ricca di storia e di vita…

Eccomi qua, la prima cosa che vi racconto è anche la prima cosa che ho visto in Capitale.
Il mercato dei fiori notturno.
Il profumo è inebriante ma è anche mescolato allo smog dei motorini che sfrecciano tra i banchi.
C’è frenesia, si contratta, si caricano e si scaricano i motorini come se fossero furgoni… Bisogna prestare attenzione mentre si scatta, non si può mai isolarsi completamente perchè c’è troppo traffico.
Da qua partono tutti i fiori che il giorno dopo verranno venduti nei negozi di Hanoi.